In Hot Topic
Share with your friends










Inviare
 


Il dramma delle donne uccise resta, ma la vera emergenza c’è stata nel 2002 e 2003

Ogni volta che le cronache, televisive soprattutto, ci portano in casa episodi di omicidi di donne, in particolare giovani, spesso uccise da partner o ex partner, allo sgomento si unisce l’eco di chi parla di “emergenza femminicidio”.

“Uccise in quanto donne”

Il termine “femminicidio” implica che la vittima sia stata uccisa in quanto donna, anche se in realtà non sempre è così, ma soprattutto è la parola “emergenza”, spesso usata dai mass media ad ogni caso di femminicidio, che suona particolarmente inesatta, se analizziamo i dati. Naturalmente il discorso non vale per i casi di violenza sulle donne che riguardano altre rilevazioni.

Scopriamo infatti innanzitutto che sono in calo: nel 2014 sono state uccise 0,47 donne ogni 100mila abitanti, una proporzione che non solo è quasi un terzo di quella degli uomini (anche se nessuno parla si “maschicidio”), 1,11, ma è anche inferiore a quella dei primi anni 2000, per esempio allo 0,65 del 2003.

Nel tempo il tasso di omicidi di donne è fluttuato, ma con un chiaro trend alla discesa.
E’ vero, sono diminuiti più velocemente gli omicidi di uomini, da 1,65 del 2002 a 1,11 del 2014, ma partivano da livelli decisamente maggiori, dovuti in particolare alla criminalità organizzata.

Il caso della Calabria

Un altro dato è molto importante: la maggior parte degli omicidi di donne, quasi la totalità, è perpetrato da partner o ex partner o comunque da conoscenti. Questo tasso è anche in crescita: nel 2002 le donne venivano uccise in maniera quasi uguale da conoscenti e sconosciuti, mentre nel 2014 l’87% delle vittime conosce il proprio assassino.

Questa è però una tendenza anche tra gli uomini, dove ancora prevale l’omicidio da parte dello sconosciuto (per esempio l’agguato di mafia), ma il tasso di delitti in cui il colpevole è qualcuno che si conosce è triplicato, da 0,13 a 0,34, vicino al 0,41.

A livello territoriale la percentuale minore di omicidi femminili sul totale, il 9,4% è proprio nella regione con più delitti, la Calabria (1,62 per 100 mila abitanti), mentre quelle maggiori, 63% e 66,7% rispettivamente, sono in Toscana e Umbria, che sono però sotto la media nazionale di delitti commessi.

Dov’è la vera emergenza

Come sempre in questi casi è di fatto obbligatorio anche un confronto internazionale. In base ai dati dell’Unodc i tassi di omicidio di donne in Europa non erano, almeno nel 2012, ultimo anno disponibile, inferiori a quelli italiani, visto che si andava dai circa 0,75 per 100mila della Francia e della Germania (nel 2011 in questo caso) al 0,5 della Spagna, al 0,64 (2011) della Polonia.

I dati si riferiscono al: 2002-2014

Fonte: Istat

Leggi anche:

Femminicidio, non è vera emergenza

Cala il numero delle donne uccise

Epidemia di omicidi nelle città Usa

Gli italiani del nord i più insicuri di tutti

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca